Autore Topic: 14/01/09 Moggi a porta a porta  (Letto 16977 volte)

mimmo

  • Visitatore
Re: 14/01/09 Moggi a porta a porta
« Risposta #105 il: 25 Gennaio 2009, 10:48:50 »
Mi fa anche strano, e qui coinvolgo tutti quelli la cui convinzione sia che farsopoli sia una creatura degli elkann, che Moggi si accanisca contro i perdenti e contro merdatti in particolare, ma mai dica una parola di astio o lanci un sospetto, sulla proprietà attuale della società.
Vorrei sapere, e lo chiedo in forma di dibattito e non di polemica, come interpretate quest'attegiamento del Moggi in relazione alle vostre convinzioni sui mandanti di farsopoli interni alla società.
Intanto mi scuso se ti rispondo soltanto adesso, dunque Arnaldo provo a risponderti secondo il mio personalissimo punto di vista.
Moggi non è un personaggio particolare è soltanto una persona come tutte le altre, diciamo un italiano medio, lo chiamano Dottore ma credo che abbia si e no la terza media (con tutto il rispetto per chi ha questo titolo e te lo dice il figlio di due operai che hanno la licenza elementare), ha un livello culturale abbastanza imbarazzante, fatica a coniugare due verbi di seguito, ma ha una conoscenza del mondo del calcio superiore a chiunque altro, lui per anni è stato l'ago della bilancia, dove c'era lui si vinceva. In questa vicenda sta facendo una figuraccia, questo è palese, non sa difendersi, su Libero riesce ad esprimersi, probabilmente gli articoli glieli scrive Feltri o Farina, dal vivo no, sembra spaventato e anzi, credo lo sia davvero. Ho letto il suo libro "Un calcio nel cuore", ne esce il profilo di un uomo che ha paura, dice che quando suonavano alla porta pensava fossero i carabinieri che venivano a portarlo via, dice che aveva paura a uscire per strada e stava chiuso in casa, pensieri di morte lo hanno accompagnato, pianse come un bambino nelle braccia del prete del suo paese che era andato a trovarlo. Questo è Moggi, uno squalo che lasciato solo è diventato un pesce rosso. Non so se lui centri con la vicenda di Lapo e detto francamente non me frega proprio niente, l'unica cosa certa è che al rampollo piacciono i trans e la coca, ma questi sono cazzi suoi. Ma al di la di Moggi, Lapo e Patrizia, pardon, Donato Broco, di una cosa sono certo, certissimo, farsopoli è nata in corso Galileo Ferraris, credo di non dire una cosa assurda quando sostengo che Giraudo e Andrea Agnelli lavoravano per rilevare la Juventus e se il Dottor Umberto non fosse morto, a quest'ora la Juve era fuori dall'orbita Fiat/IFIL, poco ma sicuro. Morto il Dottore, Montezemolo, ha preparato il piano per estromettere i due, non importava quanto potesse costare,  anzi, più il conto era salato e meglio era, uno scandalo era l'unico rimedio. E scandalo fu. Giraudo, Moggi e Bettega in pasto al popolo antijuventino, a coloro che da sempre ci hanno giudicato ladri, il resto lo avrebbero fatto i media, i giornali di famiglia, cannavò, arturi, di paola, e chi non era d’accordo, padovan, fu messo alla porta velocemente, persino uno che si considera un paladino della giustizia e della verità politica si schierò contro, marco travaglio. Bene.  Queste cose non me le invento, Joseph Blatter disse a chiare lettere che grazie all’intervento di Montezemolo la juve non ricorse al TAR, nessuno da corso galfer lo ha mai smentito.  Il vero scandalo è stato la non difesa, chi si è difeso ha addirittura vinto la champions prima e l’intercontinentale subito dopo, noi abbiamo mandato a non difenderci uno dei migliori avvocati penalisti del mondo, un uomo che sta difendendo l’indifendibile e che tra meno di tre anni tirerà fuori dalla galera una personcina a modo che in un momento di noia ha tirato circa un centinaio di coltellate alla madre e al fratellino di undici anni. Ecco perché a me, al contrario di qualcuno a cui vengono i brividi ripensando a dove eravamo due anni fa, a me dicevo viene il vomito. E vomito anche oggi quando leggo che topogigiocobolli dice a giorni alterni abbiamo 27 scudetti, poi ventinove, poi ancora ventisette. E nessuno, tranne le associazioni di rancorosi di cui sono orgoglioso di fare parte,  che apre bocca, mah, io sarò anche rancoroso ma questa cosa non mi pare proprio normale.



Offline libero_catena

  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 5821
  • Sesso: Maschio
Re: 14/01/09 Moggi a porta a porta
« Risposta #106 il: 26 Gennaio 2009, 09:22:26 »
Intanto mi scuso se ti rispondo soltanto adesso........

Oltre a sottoscrivere parola per parola vorrei far notare l'atteggiamento assolutamente inerte della società nel cosiddetto dossier Como, la storiaccia di Tavaroli, Cipriani etc.

A me quella vicenda ha tolto ogni dubbio residuo su chi fosse il mandante, il killer della Juve dell'era triade.

Sull'atteggiamento di Moggi nn saprei che dire. Certo che di cose ne ha dette e fatte, e se c'è questa sinergia tra Telecom e Ifil può darsi che si limiti a qualche strale nei confronti di Moratti per evitare guai peggiori.

Offline soloxlamaglia78

  • BiancoNero veterano
  • ****
  • Post: 4456
Re: 14/01/09 Moggi a porta a porta
« Risposta #107 il: 12 Febbraio 2009, 14:04:53 »
purtroppo siamo in Italia, il paese delle mezze Verita' come dice quel cantante. Tutti sappiamo ma non si sapra' mai nulla, che cazzo di paese infame.

Offline Pondor

  • BiancoNero veterano
  • ****
  • Post: 3699
  • Sesso: Maschio
  • Un Del Piero è per sempre!
Re: 14/01/09 Moggi a porta a porta
« Risposta #108 il: 12 Febbraio 2009, 14:43:59 »
Intanto mi scuso se ti rispondo soltanto adesso, dunque Arnaldo provo a risponderti secondo il mio personalissimo punto di vista.
Moggi non è un personaggio particolare è soltanto una persona come tutte le altre, diciamo un italiano medio, lo chiamano Dottore ma credo che abbia si e no la terza media (con tutto il rispetto per chi ha questo titolo e te lo dice il figlio di due operai che hanno la licenza elementare), ha un livello culturale abbastanza imbarazzante, fatica a coniugare due verbi di seguito, ma ha una conoscenza del mondo del calcio superiore a chiunque altro, lui per anni è stato l'ago della bilancia, dove c'era lui si vinceva. In questa vicenda sta facendo una figuraccia, questo è palese, non sa difendersi, su Libero riesce ad esprimersi, probabilmente gli articoli glieli scrive Feltri o Farina, dal vivo no, sembra spaventato e anzi, credo lo sia davvero. Ho letto il suo libro "Un calcio nel cuore", ne esce il profilo di un uomo che ha paura, dice che quando suonavano alla porta pensava fossero i carabinieri che venivano a portarlo via, dice che aveva paura a uscire per strada e stava chiuso in casa, pensieri di morte lo hanno accompagnato, pianse come un bambino nelle braccia del prete del suo paese che era andato a trovarlo. Questo è Moggi, uno squalo che lasciato solo è diventato un pesce rosso. Non so se lui centri con la vicenda di Lapo e detto francamente non me frega proprio niente, l'unica cosa certa è che al rampollo piacciono i trans e la coca, ma questi sono cazzi suoi. Ma al di la di Moggi, Lapo e Patrizia, pardon, Donato Broco, di una cosa sono certo, certissimo, farsopoli è nata in corso Galileo Ferraris, credo di non dire una cosa assurda quando sostengo che Giraudo e Andrea Agnelli lavoravano per rilevare la Juventus e se il Dottor Umberto non fosse morto, a quest'ora la Juve era fuori dall'orbita Fiat/IFIL, poco ma sicuro. Morto il Dottore, Montezemolo, ha preparato il piano per estromettere i due, non importava quanto potesse costare,  anzi, più il conto era salato e meglio era, uno scandalo era l'unico rimedio. E scandalo fu. Giraudo, Moggi e Bettega in pasto al popolo antijuventino, a coloro che da sempre ci hanno giudicato ladri, il resto lo avrebbero fatto i media, i giornali di famiglia, cannavò, arturi, di paola, e chi non era d’accordo, padovan, fu messo alla porta velocemente, persino uno che si considera un paladino della giustizia e della verità politica si schierò contro, marco travaglio. Bene.  Queste cose non me le invento, Joseph Blatter disse a chiare lettere che grazie all’intervento di Montezemolo la juve non ricorse al TAR, nessuno da corso galfer lo ha mai smentito.  Il vero scandalo è stato la non difesa, chi si è difeso ha addirittura vinto la champions prima e l’intercontinentale subito dopo, noi abbiamo mandato a non difenderci uno dei migliori avvocati penalisti del mondo, un uomo che sta difendendo l’indifendibile e che tra meno di tre anni tirerà fuori dalla galera una personcina a modo che in un momento di noia ha tirato circa un centinaio di coltellate alla madre e al fratellino di undici anni. Ecco perché a me, al contrario di qualcuno a cui vengono i brividi ripensando a dove eravamo due anni fa, a me dicevo viene il vomito. E vomito anche oggi quando leggo che topogigiocobolli dice a giorni alterni abbiamo 27 scudetti, poi ventinove, poi ancora ventisette. E nessuno, tranne le associazioni di rancorosi di cui sono orgoglioso di fare parte,  che apre bocca, mah, io sarò anche rancoroso ma questa cosa non mi pare proprio normale.

Quoto parola per parola...
Ma, a questo punto, faccio una domanda da 100 milioni, per voi è stato meglio che la Juve sia restata nell'orbita Ifil, o sarebbe stato meglio una Juve nell'orbita Andrea Agnelli con finanziatori stranieri tipo Tamoil?

Io da una parte vedo l'Ifil più sicuro nel tempo anche se senza passione e soprattutto con pochi soldi per essere grandi, dall'altro vedo magari un grande progetto alle spalle magari con un magnate che caccia soldi, in questo secondo caso la Juve avrebbe avuto molto più denaro da spendere sul mercato, ma se il magnate se ne va o va in crisi si rischia di fare la fine del Liverpool che deve vendere... bho  ???
« Ultima modifica: 12 Febbraio 2009, 15:16:57 da DanielePondor »
FINO ALLA FINE FORZA JUVENTUS!

Offline Maggiore Roger Healey

  • Fede
  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 9881
  • Sesso: Maschio
  • FUORI DALLE PALLE CHI NON ONORA LA MAGLIA
Re: 14/01/09 Moggi a porta a porta
« Risposta #109 il: 26 Febbraio 2009, 11:23:20 »
Diffamazione, Moggi a giudizio

Aveva attaccato presidente dell'Inter

L'ex dg della Juventus, Luciano Moggi, è stato rinviato a giudizio a Roma per diffamazione nei confronti dell'Inter. Il procedimento fa riferimento a un'intervista rilasciata da Moggi il 17 luglio 2006, in pieno scandalo calciopoli: l'ex dg accusava l'allora presidente nerazzurro, Giacinto Facchetti, di aver commesso illeciti. Commentando la decisione il difensore di Moggi, Marcello Melandri, si è detto "stupito".

Fonte: tgcom.it

Siamo su "Scherzi a parte !"

Mappercarità...!!!
INTER MERDA
Il MIO Stefano è la cosa più bella della mia vita! 
Non dimentichiamo il Sic.

PITTSBURGH STEELERS

  • Visitatore
Re: 14/01/09 Moggi a porta a porta
« Risposta #110 il: 28 Febbraio 2009, 16:35:07 »
Diffamazione, Moggi a giudizio

Aveva attaccato presidente dell'Inter

L'ex dg della Juventus, Luciano Moggi, è stato rinviato a giudizio a Roma per diffamazione nei confronti dell'Inter. Il procedimento fa riferimento a un'intervista rilasciata da Moggi il 17 luglio 2006, in pieno scandalo calciopoli: l'ex dg accusava l'allora presidente nerazzurro, Giacinto Facchetti, di aver commesso illeciti. Commentando la decisione il difensore di Moggi, Marcello Melandri, si è detto "stupito".

Fonte: tgcom.it

Siamo su "Scherzi a parte !"


Siamo alle cozze! ;D ;D ;D ;D

 


I marchi Juventus, Juve e il logo sono di esclusiva proprietà di Juventus F.C. SpA. Questo sito non è in alcun modo autorizzato da o connesso con la Juventus F.C. SpA o il sito ufficiale del club. Il link a siti esterni non implica il riconoscimento degli stessi da parte di PBN.com. Per segnalazioni, suggerimenti, critiche, richieste e quant'altro scrivi a:
webmaster@pianetabianconero.com