Autore Topic: Intervista a Paolo Montero  (Letto 8550 volte)

Offline Itto Ogami

  • panz
  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 77348
Intervista a Paolo Montero
« il: 31 Dicembre 2008, 18:44:58 »
Paolo Montero: "Capisco Gerrard,io mi picchiavo con i tifosi viola"

«A quel punto della notte non sei il numero 1 al mondo ma un uomo che non vuole essere provocato»

TORINO
Paolo Montero, 37 anni, nove stagioni alla Juventus e tredici espulsioni: una belva.
«A volte mi dico: Paolo, hai esagerato. Ma poi mi do la mano: Paolo, non hai mai finto».

Che ne pensa del caso Gerrard? Il capitano del Liverpool, faccina d’angelo e pugni musicali.
«Penso che voi giornalisti pretendete la santità, l’eroismo. E invece siamo uomini anche noi, esattamente come voi. Nel bene e nel male. Gerrard non fa eccezione».

Dunque, le apparenze ingannano?
«Non conosco la dinamica dei fatti nel dettaglio. Per questo, parlo in generale. Piano con le lezioni di morale. Se Gerrard ha sbagliato, pagherà. Solo che dopo la partita vai in un locale per rilassarti e magari qualcuno ti provoca. In quel preciso istante della notte, non ti senti più il numero uno al mondo, sei, semplicemente e banalmente, un uomo che non vuole essere seccato».

A lei è mai capitato?
«Come no. A Viareggio, ospite di “Attila”, un caro amico. Dovunque si andasse, erano tutti tifosi della Fiorentina. Si figuri. Io della Juve, loro della Fiorentina. La prima volta scappava un vaffa, la seconda una spinta, la terza un cazzotto».

Nostalgia del calcio?
«Per niente. Ho smesso nel 2007, con il Peñarol, e da allora avrò disputato sì e no un paio di partitelle di beneficenza, ma proprio perché mi ci tiravano per i capelli. Non ne sento la mancanza. Tutto quello che avevo da dare, l’ho dato».

Tornasse indietro?
«Tornassi indietro, cercherei di controllarmi meglio. Provocazioni, reazioni, tafferugli: non mi sono negato niente. Al cuore non si comanda, vero? Ho dato da mangiare alla prova tv come nessun altro. Però...».

Però?
«Avevo un mio codice, non certo etico. Un codice d’onore, chiamiamolo così. Per la mia squadra, tutto. Stava agli arbitri fissare il confine di quel “tutto”. Ne ho sempre rispettato le decisioni, così come gli avversari che menavo rispettavano la mia violenza per il semplice fatto che era grossolana ma, a suo modo, leale. Quante volte sentivo e sento allenatori ed esperti ripetere che nel calcio ci vogliono anche i Montero...».

In quale giocatore si rivede?
«In Chiellini. Con Legrottaglie, che ho avuto modo di frequentare e apprezzare alla Juve, forma una delle coppie che meglio rispecchiano le mie idee, il mio carattere. Giorgio è un tipo tosto, più portato al gol di quanto non lo fossi io. Non mi meraviglio: la Juve ha avuto sempre una grande tradizione di difensori, Ferrara, Iuliano, Tudor, Cannavaro, Thuram».

Dicono che uno come lei sia Marco Materazzi.
«Non lo conosco. E poi, sia chiaro, sono amico di Zidane. Molto amico. Un fuoriclasse assoluto».

Come nasce l’amicizia con Pessotto?
«Nasce, per prima cosa, da nove stagioni di militanza comune. E cresce col fatto che era, e rimane, il mio opposto. Tanto impulsivo io, quanto posato lui. Impossibile non volergli bene. Trovava sempre la parola giusta per metterti a tuo agio. I Montero fanno casino, i Pessotto fanno gruppo».

Durante la lunga degenza, lo andò a trovare quasi di nascosto. L’orco buono...
«Affari miei, se permette. Da Montevideo a Torino per uno come Gianluca: il minimo, mi creda. Proprio il minimo».

Chi vince lo scudetto?
«L’Inter, temo».

La Juventus le piace?
«Molto. Ma l’Inter è più forte».

Qual è un attaccante che avrebbe marcato «con gusto»?
«Ibrahimovic. Ce le saremmo date di santa ragione per novanta minuti e poi, alla fine, insieme al bar a farci una birra».

Il suo podio?
«Kakà, Gerrard, Ibra».

E a livello difensivo?
«Chiellini a parte, vanno di moda gli inglesi: John Terry, Rio Ferdinand».

Cosa pensa di Calciopoli?
«Dopo Pessotto, le prime persone che chiamo quando torno a Torino sono Moggi e Giraudo. Devo tutto a loro, non mi stancherò mai di ringraziarli. Faccia un po’ lei».

lastampa.it

un uomo , un mito
« Ultima modifica: 31 Dicembre 2008, 18:55:54 da Wes Welker »

Offline ilmaestro76

  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 14653
  • Sesso: Maschio
Re: Interista a Paolo Montero
« Risposta #1 il: 31 Dicembre 2008, 18:55:14 »
corregga il titolo, o messere!!! :D

GRANDE MONTERO!

Offline Itto Ogami

  • panz
  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 77348
Re: Intervista a Paolo Montero
« Risposta #2 il: 31 Dicembre 2008, 18:56:22 »
uuu che errore...corretto immediatamente

Offline ilmaestro76

  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 14653
  • Sesso: Maschio
Re: Intervista a Paolo Montero
« Risposta #3 il: 31 Dicembre 2008, 18:57:21 »
uuu che errore...corretto immediatamente
sarebbe stato un grosso oltraggio! :D  ;)

mimmo

  • Visitatore
Re: Intervista a Paolo Montero
« Risposta #4 il: 31 Dicembre 2008, 19:02:32 »
Cosa pensa di Calciopoli?
«Dopo Pessotto, le prime persone che chiamo quando torno a Torino sono Moggi e Giraudo. Devo tutto a loro, non mi stancherò mai di ringraziarli. Faccia un po’ lei».

Azz Paolo, con questa affermazione hai perso la stima di molti utenti di PBN  ;D ;D ;D ;D
PAOLO MONTERO UNO DI NOI  O0 O0 O0

Offline Il Conte Max

  • LeRoiMichel
  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 15249
Re: Intervista a Paolo Montero
« Risposta #5 il: 31 Dicembre 2008, 19:07:37 »
Azz Paolo, con questa affermazione hai perso la stima di molti utenti di PBN  ;D ;D ;D ;D
PAOLO MONTERO UNO DI NOI  O0 O0 O0

Mai perdere la stima di uno che dice solo la VERITA'.

Ciao Mimmo, auguroni... ;)

Offline franco causio68

  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 11032
  • Sesso: Maschio
  • Damiano
Re: Intervista a Paolo Montero
« Risposta #6 il: 31 Dicembre 2008, 19:16:23 »
EL PIGNA in eterno uno di noi
tahiticora-Jaime Koeppe-Elizabeth Marxs

Offline Pete Bondurant

  • Ashe
  • Amministratore
  • Stella BiancoNera
  • *
  • Post: 33398
  • Sesso: Maschio
  • La rason la xe dei mussi
    • Ciro Ferrara!
Re: Intervista a Paolo Montero
« Risposta #7 il: 31 Dicembre 2008, 19:24:40 »
LO AMO!!!!
Era un giorno magico e sei nata tu... Una fresca immagine e un nome GIOVENTU'

Offline Gordon Gekko

  • The Ghost
  • Moderatore globale
  • Stella BiancoNera
  • *
  • Post: 65198
  • Andrea Agnelli e' il mio presidente
Re: Intervista a Paolo Montero
« Risposta #8 il: 01 Gennaio 2009, 11:01:48 »
Mi manca molto.
I più di questi laureati a Harvard non vale un cazzo. Serve gente povera, furba e affamata. Senza sentimenti. Una volta vinci e una volta perdi; ma continui a combattere. E se vuoi un amico, prendi un cane


Offline IutubbeBoy

  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 8979
  • Sesso: Maschio
  • Avanti con il 4-3-3 !
Re: Intervista a Paolo Montero
« Risposta #9 il: 01 Gennaio 2009, 12:15:48 »

Dicono che uno come lei sia Marco Materazzi.
«Non lo conosco. E poi, sia chiaro, sono amico di Zidane. Molto amico. Un fuoriclasse assoluto».


M   I   T   O

Offline Phoenix85

  • BiancoNero titolare
  • ***
  • Post: 619
  • Sesso: Maschio
    • Pianeta Juventus
Re: Intervista a Paolo Montero
« Risposta #10 il: 01 Gennaio 2009, 12:18:44 »
ti prego Prosecco compraci un altro Paolo Montero!!!
« Ultima modifica: 01 Gennaio 2009, 12:21:16 da FenomenAle85 »

MICHEL PLATINI

  • Visitatore
Re: Intervista a Paolo Montero
« Risposta #11 il: 01 Gennaio 2009, 12:33:48 »
Paolo Montero: "Capisco Gerrard,io mi picchiavo con i tifosi viola"

«A quel punto della notte non sei il numero 1 al mondo ma un uomo che non vuole essere provocato»

TORINO
Paolo Montero, 37 anni, nove stagioni alla Juventus e tredici espulsioni: una belva.
«A volte mi dico: Paolo, hai esagerato. Ma poi mi do la mano: Paolo, non hai mai finto».

Che ne pensa del caso Gerrard? Il capitano del Liverpool, faccina d’angelo e pugni musicali.
«Penso che voi giornalisti pretendete la santità, l’eroismo. E invece siamo uomini anche noi, esattamente come voi. Nel bene e nel male. Gerrard non fa eccezione».

Dunque, le apparenze ingannano?
«Non conosco la dinamica dei fatti nel dettaglio. Per questo, parlo in generale. Piano con le lezioni di morale. Se Gerrard ha sbagliato, pagherà. Solo che dopo la partita vai in un locale per rilassarti e magari qualcuno ti provoca. In quel preciso istante della notte, non ti senti più il numero uno al mondo, sei, semplicemente e banalmente, un uomo che non vuole essere seccato».

A lei è mai capitato?
«Come no. A Viareggio, ospite di “Attila”, un caro amico. Dovunque si andasse, erano tutti tifosi della Fiorentina. Si figuri. Io della Juve, loro della Fiorentina. La prima volta scappava un vaffa, la seconda una spinta, la terza un cazzotto».

Nostalgia del calcio?
«Per niente. Ho smesso nel 2007, con il Peñarol, e da allora avrò disputato sì e no un paio di partitelle di beneficenza, ma proprio perché mi ci tiravano per i capelli. Non ne sento la mancanza. Tutto quello che avevo da dare, l’ho dato».

Tornasse indietro?
«Tornassi indietro, cercherei di controllarmi meglio. Provocazioni, reazioni, tafferugli: non mi sono negato niente. Al cuore non si comanda, vero? Ho dato da mangiare alla prova tv come nessun altro. Però...».

Però?
«Avevo un mio codice, non certo etico. Un codice d’onore, chiamiamolo così. Per la mia squadra, tutto. Stava agli arbitri fissare il confine di quel “tutto”. Ne ho sempre rispettato le decisioni, così come gli avversari che menavo rispettavano la mia violenza per il semplice fatto che era grossolana ma, a suo modo, leale. Quante volte sentivo e sento allenatori ed esperti ripetere che nel calcio ci vogliono anche i Montero...».

In quale giocatore si rivede?
«In Chiellini. Con Legrottaglie, che ho avuto modo di frequentare e apprezzare alla Juve, forma una delle coppie che meglio rispecchiano le mie idee, il mio carattere. Giorgio è un tipo tosto, più portato al gol di quanto non lo fossi io. Non mi meraviglio: la Juve ha avuto sempre una grande tradizione di difensori, Ferrara, Iuliano, Tudor, Cannavaro, Thuram».

Dicono che uno come lei sia Marco Materazzi.
«Non lo conosco. E poi, sia chiaro, sono amico di Zidane. Molto amico. Un fuoriclasse assoluto».

Come nasce l’amicizia con Pessotto?
«Nasce, per prima cosa, da nove stagioni di militanza comune. E cresce col fatto che era, e rimane, il mio opposto. Tanto impulsivo io, quanto posato lui. Impossibile non volergli bene. Trovava sempre la parola giusta per metterti a tuo agio. I Montero fanno casino, i Pessotto fanno gruppo».

Durante la lunga degenza, lo andò a trovare quasi di nascosto. L’orco buono...
«Affari miei, se permette. Da Montevideo a Torino per uno come Gianluca: il minimo, mi creda. Proprio il minimo».

Chi vince lo scudetto?
«L’Inter, temo».

La Juventus le piace?
«Molto. Ma l’Inter è più forte».

Qual è un attaccante che avrebbe marcato «con gusto»?
«Ibrahimovic. Ce le saremmo date di santa ragione per novanta minuti e poi, alla fine, insieme al bar a farci una birra».

Il suo podio?
«Kakà, Gerrard, Ibra».

E a livello difensivo?
«Chiellini a parte, vanno di moda gli inglesi: John Terry, Rio Ferdinand».

Cosa pensa di Calciopoli?
«Dopo Pessotto, le prime persone che chiamo quando torno a Torino sono Moggi e Giraudo. Devo tutto a loro, non mi stancherò mai di ringraziarli. Faccia un po’ lei».

lastampa.it

un uomo , un mito



Paolo Montero,un grandissimo nella storia Bianconera.... occorrerebbe uno così anche alla presidenza della Juve.Allora sì che ci rispetterebbero molto più......Mi chiedo cosa pensi il mitico Paolo ogni volta aver letto le dichiarazioni di Cobollo.....

Offline yankeedoodle

  • BiancoNero promettente
  • **
  • Post: 380
  • Sesso: Maschio
Re: Intervista a Paolo Montero
« Risposta #12 il: 01 Gennaio 2009, 13:49:53 »
mitico PAOLO!!! ci manchi!!! :)
meglio un anno all'inferno, che merde in eterno!!!

Offline Midnight

  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 14061
  • CI AVETE ROTTO IL CALCIO!
Re: Intervista a Paolo Montero
« Risposta #13 il: 01 Gennaio 2009, 15:14:20 »
lui e davids sono,dopo ovviamente il baluardo di lambsheim, i miei giocatori preferiti.fate un po voi... :D

Offline marco72

  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 7610
  • Sesso: Maschio
  • 25 giugno 2011
Re: Intervista a Paolo Montero
« Risposta #14 il: 01 Gennaio 2009, 21:32:23 »
Azz Paolo, con questa affermazione hai perso la stima di molti utenti di PBN  ;D ;D ;D ;D
PAOLO MONTERO UNO DI NOI  O0 O0 O0

per quanto mi riguarda mai smesso di stimarlo.ma non ho mai smesso di stimare anche moggi se per e' questo.

 


I marchi Juventus, Juve e il logo sono di esclusiva proprietà di Juventus F.C. SpA. Questo sito non è in alcun modo autorizzato da o connesso con la Juventus F.C. SpA o il sito ufficiale del club. Il link a siti esterni non implica il riconoscimento degli stessi da parte di PBN.com. Per segnalazioni, suggerimenti, critiche, richieste e quant'altro scrivi a:
webmaster@pianetabianconero.com