Autore Topic: Tragedia aerea in Colombia, a bordo la Chapecoense: "76 vittime, 5 superstiti"  (Letto 574 volte)

Offline steferrari

  • Amministratore
  • Stella BiancoNera
  • *
  • Post: 49582
  • Sesso: Maschio
  • Juventino e Ferrarista!
  • Awards
Tragedia aerea, a bordo i giocatori della Chapecoense: "Le vittime sono 76"
Dovevano giocare in Colombia la finale di Sudamericana. Sei i superstiti recuperati sul luogo dell'incidente, ma uno è morto nel trasporto all'ospedale: 76 vittime


La Chapecoense viaggiava verso la finale di Sudamericana

L'aereo che trasportava i giocatori della Chapecoense, squadra della Serie A brasiliana che si recava in Colombia a giocare la finale di Copa Sudamericana, si è schiantato nella notte mentre si avvicinava all'aeroporto José Maria Cordoba della città colombiana di Medellin alle 10 ora locale, alle 4 in Italia. L'aereo ha perso il controllo con la torre di controllo e, riferiscono i media locali, si è schiantato mentre tentava un atterraggio di emergenza: era decollato da Santa Cruz de la Sierra in Bolivia, dove aveva fatto uno scalo tecnico, con 81 persone a bordo, 72 passeggeri e 9 di equipaggio (48 membri del club, 21 giornalisti). La squadra della città di Chapeco, nello stato brasiliano, di Santa Catarina, si dirigeva a Medellin per disputare mercoledì la partita di andata della finale della Coppa Sudamericana contro l'Atletico Nacional. Il comandante della Polizia di Antioquia, regione in cui si è verificato lo schianto, il General José Acevedo Ossa ha comunicato che i superstiti dell'incidente recuperati erano inizialmente sei, e che non ci sono motivi per sperare di trovarne altri. Lo stesso Generale ha poi comunicato che le vittime sono in realtà 76, perché uno dei sei sopravvissuti è morto durante il traporto all'ospedale.

I PRIMI SUPERSTITI — I primi giunti all'Hospital de la Ceja sono l'esterno sinistro Alan Ruschel e il portiere Danilo, feriti: avevano postato una foto prima della partenza dall'aereo, viaggiavano fianco a fianco. Il primo sarebbe arrivato in stato di choc, con fratture multiple (anche del bacino) e lacerazioni alla testa. Un terzo giocatore giunto all'ospedale è Jackson Follmann (il secondo portiere), che però avrà bisogno di essere trasportato in un'altra sede per la gravità delle ferite. La quarta sopravvissuta è la hostess Jimena Suárez, il quinto il giornalista Rafael Henzel. Ci sono poi otto giocatori della prima squadra della Chapecoense che non sono saliti sull'aereo perché non convocati per la partita. Sono: Nemen, Demerson, Boeck, Andrei, Hyoran, Martinuccio, Moises e Nivaldo.

LE VITTIME — Non ci sono vere star, nella rosa della Chape: la squadra era stata costruita a basso costo, la forza era il collettivo. I giocatori più noti erano l’attaccante Bruno Rangel, di ritorno da un’esperienza in Qatar, il terzino Dener, il mediano Gil, oltre al centrocampista Cleber Santana, che nella stagione 2009-2010 giocò nell'Atletico Madrid. L’allenatore era Caio Junior, 51 anni, una lunga esperienza in panchina, anche in piazze nobili come Flamengo, Palmeiras, Botafogo.

PROBLEMI "ELETTRICI" — L'aereo caduto in Colombia con 81 persone a bordo aveva segnalato problemi all'impianto elettrico: lo rende noto in un comunicato l'aeroporto internazionale di Medellin. Il velivolo, un British Aerospace 146 gestito dalla compagnia charter boliviana Lamia, nell'impatto si sarebbe spezzato in due parti. Avrebbe avuto il via libera per un atterraggio d'emergenza ma non sarebbe riuscito a raggiungere l'areoporto. Mauricio Parodi, direttore della Protezione civile locale, ha detto che l'aereo dovrebbe trovarsi in una zona denominata Cerro Gordo, una montagna difficile da raggiungere anche a causa del fango. Con la stessa compagnia e probabilmente con lo stesso charter simile aveva recentemente volato anche la nazionale argentina. Seconda alcune ricostruzioni il club brasiliano avrebbe chiesto ieri di poter viaggiare con un altro charter di una compagnia brasiliana, ma la richiesta sarebbe stata respinta dalle Autorità perché arrivata troppo tardi.

ATTIVITÀ SOSPESE — La partita, prevista per la notte di domani (orario italiano) è stata ovviamente subito rimandata, la Conmebol (confederazione sudamericana) ha annunciato la sospensione di tutte le attività fino a nuovo ordine.

COMUNICATO DEL CLUB — Intanto attraverso un comunicato sulla sua pagina Facebook il club ha annunciato che non darà notizie finché non avrà conferme ufficiali dalle autorità sul numero di vittime e di sopravvissuti.

L'ASCESA DELLA CHAPE — La "Chape", come viene comunemente chiamata, è un club giovane, nato nel 1973. Solo nel 2009 giocava nella serie D brasiliana: un'ascesa verticale e continua lo ha portato nella prima divisione brasiliana nel 2014. E' la formazione della città di Chapeco, un polo industriale da 200mila abitanti dello stato di Santa Catarina, nel sud del paese. Quella che avrebbe dovuto giocare domani era sicuramente la gara più importante della propria storia: si era guadagnata l'accesso alla finale della Sudamericana (corrispondente della nostra Europa League), con l'eliminazione in semifinale degli argentini del San Lorenzo.

SEGUONO AGGIORNAMENTI

Valerio Clari


Gazzetta.it

 :(

Offline Sempre e solo Juve

  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 54491
  • Sesso: Maschio
  • J W8NDERFUL
Che tristezza :(
Le telefonate tra Giacinto Facchetti e alcuni arbitri "costituiscono elemento importante per qualificare una sorta di intervento di lobbing da parte dell'allora presidente dell'inter nei confronti della classe arbitrale" e sono "significative di rapporto di tipo amicale e preferenziale" con "vette non propriamente commendevoli".

SENZA FACCHETTI = NIENTE SCUDETTI !

Offline TheAle

  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 16803
  • Sesso: Maschio
  • FINO ALLA FINE FORZA JUVENTUS
Davvero una tristezza infinita  :'(

Offline steferrari

  • Amministratore
  • Stella BiancoNera
  • *
  • Post: 49582
  • Sesso: Maschio
  • Juventino e Ferrarista!
  • Awards


 


I marchi Juventus, Juve e il logo sono di esclusiva proprietà di Juventus F.C. SpA. Questo sito non è in alcun modo autorizzato da o connesso con la Juventus F.C. SpA o il sito ufficiale del club. Il link a siti esterni non implica il riconoscimento degli stessi da parte di PBN.com. Per segnalazioni, suggerimenti, critiche, richieste e quant'altro scrivi a:
webmaster@pianetabianconero.com