Autore Topic: Ferrari: via Montezemolo, Marchionne presidente  (Letto 1418 volte)

Offline steferrari

  • Amministratore
  • Stella BiancoNera
  • *
  • Post: 49749
  • Sesso: Maschio
  • Juventino e Ferrarista!
  • Awards
Ferrari: via Montezemolo, Marchionne presidente
« il: 10 Settembre 2014, 11:19:09 »
Ferrari, Montezemolo lascia: Marchionne nuovo presidente
Lo storico numero uno del Cavallino andrà via il 13 ottobre: "Si apre una nuova fase e si chiude un'epoca meravigliosa e indimenticabile di 23 anni".
L'a.d. della Fiat: "Ci sono state incomprensioni, ma ha portato la Ferrari all'eccellenza".


Luca Cordero di Montezemolo lascia la Ferrari dopo 23 anni, il nuovo presidente sarà Sergio Marchionne. Il terremoto seguito al GP di Monza si conclude come previsto: lo storico numero uno del Cavallino andrà via il 13 ottobre a conclusione del festeggiamento dei 60 anni di Ferrari in America. Oggi alle 14 Marchionne e Montezemolo terranno una conferenza stampa congiunta al Museo Ferrari di Maranello.

IL COMUNICATO — "Montezemolo - si legge nella nota del Lingotto - ha portato l'azienda a conseguire risultati molto importanti sia dal punto di vista economico sia dal punto di vista sportivo. Una lunga storia di grandi successi alla Ferrari dove Montezemolo ha raggiunto traguardi di assoluto rilievo, con un team di eccellenza mondiale". Nella nota del Cavallino anche le parole di John Elkann, presidente della Fiat: "Desidero ringraziare Luca a nome della mia famiglia e a titolo personale per quanto ha fatto per la Fiat e per la Ferrari. Ha ricoperto diverse posizioni di responsabilità, a partire dalla presidenza di Fiat dal 2004 al 2010, condividendo con me momenti di difficoltà, ma anche di grande soddisfazione. A Luca vanno i miei auguri per il suo futuro professionale e imprenditoriale, con la speranza, certamente condivisa, di vedere presto la Ferrari tornare a vincere".

MARCHIONNE — "Del futuro della Ferrari - ha dichiarato Marchionne - io e Luca abbiamo discusso a lungo. Il nostro comune desiderio di vedere la Ferrari esprimere tutto il suo vero potenziale in pista ci ha portato ad alcune incomprensioni che si sono manifestate pubblicamente nello scorso weekend. Voglio ringraziare personalmente Luca per quanto ha fatto per la Fiat, per la Ferrari e per me: ha portato la Ferrari a un livello tecnologico e organizzativo di eccellenza e ha ottenuto importanti risultati economici".

MONTEZEMOLO — "La Ferrari avrà un ruolo importante all’interno del gruppo FCA nella prossima quotazione a Wall Street - ha spiegato Montezemolo - e si aprirà quindi una fase nuova e diversa che credo giusto debba essere guidata dall’Amministratore Delegato del Gruppo. Finisce un’epoca e ho quindi deciso di lasciare la presidenza dopo quasi 23 anni meravigliosi e indimenticabili, dopo quelli passati a fianco di Enzo Ferrari negli anni Settanta. Il mio ringraziamento va innanzitutto a donne e uomini eccezionali in fabbrica, negli uffici, nei campi di gara, sui mercati di tutto il mondo che sono stati i veri artefici in questi anni della grande crescita dell’azienda, delle tante memorabili vittorie e del successo del marchio diventato grazie a loro uno dei più forti al mondo. Un saluto e un ringraziamento a tutti i nostri partner tecnici e commerciali, ai dealer di ogni Paese e in modo particolare ai clienti e ai collezionisti con cui condivido la stessa passione. Ma il mio pensiero va oggi anche ai nostri tifosi che non hanno mai fatto mancare alla Scuderia il loro entusiasmo soprattutto nei momenti più difficili. La Ferrari è la più bella azienda del mondo e per me è stato un grande privilegio e onore esserne stato il leader. Le ho dedicato tutto il mio impegno ed entusiasmo e insieme alla mia famiglia ha rappresentato e rappresenta la cosa più importante della mia vita. Auguro agli azionisti, e in particolare a Piero Ferrari che mi è stato sempre vicino, e a tutte le persone dell’Azienda ancora tanti anni di successo che la Ferrari merita".

Gasport

Offline ward littell

  • O’Driscoll
  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 19907
    • Poundingtherock
Re:Ferrari: via Montezemolo, Marchionne presidente
« Risposta #1 il: 10 Settembre 2014, 12:06:59 »
A Detroit la verità sullo shock Ferrari

Formula1 9 settembre 2014
Qui a Detroit, lo shock Ferrari te lo raccontano così.

Fine anni Novanta.

Gianni Agnelli stipula quello che ritiene il suo capolavoro: cede il 20% di Fiat Auto alla General Motors, la quale si impegna ad acquisire l'intero controllo della azienda italiana a una data scadenza.

Ma l'Avvocato si premura di escludere la Ferrari dai termini dell'accordo: il 90% del Cavallino è controllato direttamente dalla finanziaria di famiglia degli Agnelli, non da Fiat Auto in quanto tale.

Poi la General Motors cambierà idea e pur di non comprare la scassata Fiat paga a Marchionne, nel frattempo sbarcato a Torino, una cospicua somma.

Passano gli anni. Quasi una generazione.

Matura l'integrazione tra la Fiat e la Chrysler.

A questo punto Montezemolo, che è il leader della Ferrari dalla fine del 1991, fa presente che sarebbe il caso di continuare ad escludere la Rossa dalla operazione di fusione.

Come mai?

Semplice.

Se un domani gli eredi Agnelli decidessero di liberarsi di FCA, cedendone il pacchetto di maggioranza relativa magari ad un altro costruttore (la Toyota, la Bmw, chi volete voi), anche la Ferrari finirebbe nelle mani dell'acquirente.

E addio mito della italianità.

Lì si è consumata la frattura tra Torino e LCDM. Il quale LCDM, beninteso, non ha mica lavorato gratis, per anni e anni è stato il manager più pagato d'Italia e forse lo è ancora.

Ma la sua visione strategica non coincide più con quella della Famiglia, che nel frattempo è ovviamente molto cambiata. LCDM era il pupillo di Gianni Agnelli, aveva un buon rapporto con Umberto Agnelli ed era nel cuore di Susanna Agnelli, la quale lo volle al vertice della disastrata Fiat nel cupo 2004, dopo la morte di entrambi i fratelli.

Oggi la Dinastia ha altre facce e a un Montezemolo sempre più lontano dalle logiche di Marchionne sono progressivamente venute meno le certezze.

I risultati strepitosi della azienda erano (e in parte sono ancora) la sua polizza sulla vita: ma ecco che le delusioni in F1 aprono una breccia, nell'interesse di chi si libererebbe volentieri della sua ingombrante presenza.

Così si spiega l'incredibile uscita di Marchionne sulla 'Ferrari che deve vincere': cioè, ferma un attimo, le cose non stanno esattamente così.

Tutti vogliamo che la Rossa vinca i Gp e il mondiale, una gara tipo Monza 2014 non fa piacere a nessuno.

Ma la Ferrari ha un altro obbligo: PARTECIPARE. Sempre. Senza vincolare la sua permanenza in pista ai risultati. Piero Ferrari l'ha capito benissimo, il rischio: e infatti domenica ha detto di sperare che a nessuno venga in mente una Ferrari lontana dalle gare.

Semplifico. Nello schema Marchionne, sottinteso ma intuibilissimo, ci si può anche ritirare, in assenza di successi. E non l'hanno fatto, per stare a epoca recente, colossi come Toyota, Honda e Bmw?

O il Reparto Corse giustifica gli investimenti con i trionfi o potrebbe calare la tela.

Una scusa qualsiasi la si trova sempre: i regolamenti, il calo dell'audience e bla bla bla.

Ma Montezemolo era il ds di Enzo Ferrari e non acceiterebbe mai uno sbocco del genere. Forse anche perchè sa quanto è stato bello tornare in paradiso, nel 2000, dopo ventuno anni di sofferenze.

Quindi, lo scontro è, al tempo stesso, finanziario e sentimentale, culturale e romantico.

Può darsi benissimo abbia ragione Marchionne e buona notte al secchio.

Però, dicono anche qui a Detroit, ci sta che chi ha una certa storia alle spalle la possa pensare diversamente.

Infine, aspettando dall'Italia sviluppi sui tempi della separazione e sui soldi della liquidazione montezemolesca, persino a Detroit ti fanno notare una cosuccia.

Sono anni che Diego Della Valle, ottimo amico di Luca e suo socio in affari più o meno felici, spara a palle incatenate contro gli Elkann e contro lo stesso Marchionne.

Alla fine qualcuno ha fatto due più due.

E noi che ci scannavamo su Alonso e Raikkonen...


Leo Turrini


Death, Taxes and the Spurs

Offline ward littell

  • O’Driscoll
  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 19907
    • Poundingtherock
Re:Ferrari: via Montezemolo, Marchionne presidente
« Risposta #2 il: 10 Settembre 2014, 12:16:50 »
Ferrari, the last Bell

Formula1 10 settembre 2014
Debbo dire che qui in America Sergio Marchionne è molto considerato.

Ma a cena con un autorevole dirigente di un gruppo automobilistico concorrente di FCA mi son sentito dire una cosa solo in apparenza contraddittoria.

La trascrivo alla buona.

'Vede, per noi negli Usa era certo una anomalia il fatto che Montezemolo presiedesse la Ferrari da oltre vent'anni. Se lei a vedere chi era al top nelle varie case autoobilistiche nel 1992, scoprirà che non c'è più nessuno, allo stesso posto...

'Ma adesso questa sostituzione ci stupisce, perchè storicamente la Ferrari non è mai andata tanto bene come oggi, sui mercati. Quanto al rendimento della Formula Uno come causa della separazione, beh, se vi bevete questa mi sa che in Italia potete bervi qualunque cosa...'

E infati, stavo per aggiungere io, siamo praticamente ciucchi di balle, raccontate da anni in tutte le sedi e a qualunque livello.

Dopo di che, dirò che mi raccontano del probabile arrivo, chez reparto corse, di Bob Bell. Un tecnico piuttosto simato, in zona paddock.

The last Bell. L'ultima campana.

Ma io sommessamente penso, in queste ore convulse e in fondo dannatamente malinconiche, a tutta la gente del reparto corse. Da Mattiacci a Stella, passando per Bisignani, eccetera.

Posso cogliere da lontano il loro scoramento.

Badate che si tratta di gente nei confronti della quale io applico l'evangelico precetto: li perdono, perchè spesso non sanno quello che fanno (e si vede, tra l'altro a qualcuno glielo avevo pure anticipato, quello che stava per accadere).

Ma insomma.

Come diceva Enzo Ferrari, sono loro la farina con la quale dobbiamo fare il pane.

E da domani, per ognuno e per tutti, sarà più difficile di prima, per ragioni che credo di aver già abbondantemente spiegato in varie sedi.

Sarà il caso di dar loro una mano.

Sincero, sempre. Maramaldo, mai.

Leo Turrini


Death, Taxes and the Spurs

Offline Pete Bondurant

  • Ashe
  • Amministratore
  • Stella BiancoNera
  • *
  • Post: 33263
  • Sesso: Maschio
  • La rason la xe dei mussi
    • Ciro Ferrara!
Re:Ferrari: via Montezemolo, Marchionne presidente
« Risposta #3 il: 10 Settembre 2014, 13:08:20 »
Un'altra fetta di Italia che se ne va.
Era un giorno magico e sei nata tu... Una fresca immagine e un nome GIOVENTU'

Offline duea

  • arnaldo
  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 9539
Re:Ferrari: via Montezemolo, Marchionne presidente
« Risposta #4 il: 10 Settembre 2014, 13:29:59 »
La balla dei risultati sportivi scadenti, penso non se la sia bevuta nessuno.
Per quel che mi riguarda, concordo con gli americani quando guardano con sospetto un manager che per 24 anni rimane al suo posto.
E poi Mortezemolo può andare tranquillamente a guidare i treni con il suo amichetto Delle Palle che non perde occasione per fare la morale a tutto e tutti...tranne che a se stesso.

Offline leonida

  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 10550
  • Sesso: Maschio
Re:Ferrari: via Montezemolo, Marchionne presidente
« Risposta #5 il: 10 Settembre 2014, 15:35:51 »
La balla dei risultati sportivi scadenti, penso non se la sia bevuta nessuno.
Per quel che mi riguarda, concordo con gli americani quando guardano con sospetto un manager che per 24 anni rimane al suo posto.
E poi Mortezemolo può andare tranquillamente a guidare i treni con il suo amichetto Delle Palle che non perde occasione per fare la morale a tutto e tutti...tranne che a se stesso.

come non si fa a quotarti
"Io non sono di parte, sono della Juve. E' diverso." (Omar Sivori)

Offline J|Tuono

  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 16687
  • Sesso: Maschio
  • W8NDERFUL
  • Awards
Re:Ferrari: via Montezemolo, Marchionne presidente
« Risposta #6 il: 10 Settembre 2014, 15:54:32 »
Preparatevi a SteToroRosso  +caffè+

Offline steferrari

  • Amministratore
  • Stella BiancoNera
  • *
  • Post: 49749
  • Sesso: Maschio
  • Juventino e Ferrarista!
  • Awards
Re:Ferrari: via Montezemolo, Marchionne presidente
« Risposta #7 il: 10 Settembre 2014, 15:58:01 »

Offline Sempre e solo Juve

  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 54654
  • Sesso: Maschio
  • J W8NDERFUL
Re:Ferrari: via Montezemolo, Marchionne presidente
« Risposta #8 il: 10 Settembre 2014, 18:10:20 »
Sono contento per l'addio di Monnezzemolo. Ma sto Marchionne cazzo è uno squalo potentissimo.
Le telefonate tra Giacinto Facchetti e alcuni arbitri "costituiscono elemento importante per qualificare una sorta di intervento di lobbing da parte dell'allora presidente dell'inter nei confronti della classe arbitrale" e sono "significative di rapporto di tipo amicale e preferenziale" con "vette non propriamente commendevoli".

SENZA FACCHETTI = NIENTE SCUDETTI !

Offline Itto Ogami

  • panz
  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 77331
Re:Ferrari: via Montezemolo, Marchionne presidente
« Risposta #9 il: 10 Settembre 2014, 23:32:18 »
27 mln di fine contratto.

Accipicchia

Offline leonida

  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 10550
  • Sesso: Maschio
Re:Ferrari: via Montezemolo, Marchionne presidente
« Risposta #10 il: 11 Settembre 2014, 16:44:54 »
La conferenza stampa di ieri è stato il massimo della ipocrisia
"Io non sono di parte, sono della Juve. E' diverso." (Omar Sivori)

 


I marchi Juventus, Juve e il logo sono di esclusiva proprietà di Juventus F.C. SpA. Questo sito non è in alcun modo autorizzato da o connesso con la Juventus F.C. SpA o il sito ufficiale del club. Il link a siti esterni non implica il riconoscimento degli stessi da parte di PBN.com. Per segnalazioni, suggerimenti, critiche, richieste e quant'altro scrivi a:
webmaster@pianetabianconero.com