Autore Topic: Ferrara "Mai pensato alle dimissioni"  (Letto 812 volte)

Offline sonictremila

  • Nuovo acquisto BiancoNero
  • *
  • Post: 20
Ferrara "Mai pensato alle dimissioni"
« il: 12 Dicembre 2009, 19:33:27 »
CIRO NON MOLLA E SUONA LA CARICA - "Non mi sento in bilico e non ho mai pensato di dimettermi - ha chiarito subito il tecnico bianconero alla vigilia del delicato match di Bari - Le persone forti e intelligenti devono reagire. Ho sempre detto, nel bene e nel male, che bisogna andare avanti. Sopportare le critiche, rifiutare quelle prevenute o cattive e respingerle al mittente. Il resto ci sta tutto, dopo l'eliminazione non possiamo pretendere di essere elogiati. Anche all'inizio di questo campionato, nonostante le 4 vittorie di fila, si è sempre parlato delle occasioni concesse ai nostri avversari. Tutto questo non mi torna. Abbiamo giocato delle ottime partite, ma spesso si è parlato di quello che abbiamo rischiato. Da giocatore ne ho vissute di sconfitte brucianti. Non ci sarà nessuna revisione tattica, non cambio"

LE CRITICHE NON LO INTACCANO: E' GIA' PRONTO IL LIBRO NERO - "Ci sono critiche costruttive e giuste dopo l'eliminazione - ha aggiunto Ferrara - Ma anche chi va un pò più sul pesante, questo gioco non mi piace. Sto tranquillo finche rispedirò tutto al mittente, il libro nero l'ho aperto già da un pò. Le critiche le dobbiamo accettare, non tutte, perchè è inevitabile che sia così. Se mi sento come Ranieri l'anno scorso? Passiamo alla prossima domanda. Si è scritto e parlato anche troppo di modulo, mi sono anche rotto un pò. Se la squadra non fa quello che chiedo io? In alcune partite abbiamo incontrato difficoltà, possiamo fare meglio".

CHE COSA NON VA E CHE COSA FUNZIONA... BUFFON - La critica ha puntato il dito in modo deciso sulla difesa bianconera e sugli acquisti della scorsa estate che non hanno fin qui ripagato gli investimenti effettuati, ma Ciro ha le idee chiare su dove bisogna lavorare: "Gol subìti su calci piazzati? Ne abbiamo presi troppi ultimamente. Non ha nulla a che vedere con la corsa o col modulo, ma serve solo maggiore attenzione. Poche scuse o alibi, lì dobbiamo assolutamente migliorare. I brasiliani hanno deluso? Siamo coinvolti tutti allo stesso modo, me compreso. Anche loro devono migliorare. Cosa chiedo ai giocatori? Penso che ognuno di noi conosca la situazione e il momento. Non dovrò parlare tanto. Il fatto che Buffon eciso di rimandare l'operazione è stato un ulteriore segnale di quanto sia grande e importante per la squadra. Ha voluto essere vicino alla società e ai compagni".

BARI E CATANIA FONDAMENTALI MA LA SOCIETA' LO DIFENDE - "Ci giochiamo qualcosa di importante tutti i giorni, sarà così anche in queste due settimane. Siamo consapevoli ma sereni. Il Bari è una squadra agile, brava in difesa e veloce in attacco. Se avremo la stessa umiltà del Bari e la stessa intensità possiamo fare bene. Due partite decisive? Sono tutte importanti e decisive, sempre - ha concluso Ferrara - La dirigenza mi ha difeso. Sento fortemente la stima e l'apprezzamento del mio lavoro da parte della società. Sappiamo che sono un allenatore alle prime armi e ho bisogno di crescere. Mi rendo conto che non c'è molto tempo a disposizione quindi devo crescere in fretta. Non ho fatto richieste per il mercato di gennaio. E non ho mai pensato di dimettermi, non ci penso. Non mi sento in bilico".


Eurosport