Autore Topic: LA JUVENTUS CHE VOGLIAMO NOI  (Letto 26694 volte)

Offline Captain

  • Nuovo acquisto BiancoNero
  • *
  • Post: 33
LA JUVENTUS CHE VOGLIAMO NOI
« il: 22 Settembre 2008, 16:36:13 »
14 milioni di persone. Questo è il numero di Juventini in Italia.
Due anni fa, queste persone hanno assistito a qualcosa che ha,
direttamente o indirettamente, scosso il loro "essere tifoso".
Qualcosa che è stato denominato sin da subito, da parte di una stampa
zelante e bramosa di ghigliottina, Moggiopoli prima, Calciopoli poi. Qualcosa
che ha scatenato gli appetiti di ogni incapace abituato a campare sul costante
insulto all'avversario, sulla cultura di un sospetto che potesse cancellare
l'imbarazzo dei suoi fallimenti, delle sue carenze caratteriali e delle sue
mancanze manageriali sportive.
Un giorno i nostri figli ci chiederanno cos'è stata Calciopoli, cosa è successo veramente.
E ci chiederanno conto di ciò che avremo fatto di fronte ad esso.
Ed e’ per questo che noi siamo qui. Per fare domande e per ottenere risposte.
Sul presente, sul passato e sul futuro.
http://www.firmiamo.it/lajuventuschevogliamonoi

Di seguito il testo del documento consegnato in data 30 Agosto ad un esponente della Juventus F.C.:

LA JUVENTUS CHE VOGLIAMO


14 milioni di persone. Questo è il numero di Juventini in Italia.
Due anni fa, queste persone hanno assistito a qualcosa che ha,
direttamente o indirettamente, scosso il loro "essere tifoso".
Qualcosa che è stato denominato sin da subito, da parte di una stampa
zelante e bramosa di ghigliottina, Moggiopoli prima, Calciopoli poi. Qualcosa
che ha scatenato gli appetiti di ogni incapace abituato a campare sul costante
insulto all'avversario, sulla cultura di un sospetto che potesse cancellare
l'imbarazzo dei suoi fallimenti, delle sue carenze caratteriali e delle sue
mancanze manageriali sportive.
Un giorno i nostri figli ci chiederanno cos'è stata Calciopoli, cosa è successo veramente.
E ci chiederanno conto di ciò che avremo fatto di fronte ad esso.
Ed e’ per questo che noi siamo qui. Per fare domande e per ottenere risposte.
Sul presente, sul passato e sul futuro.

La squadra

Non si può amare la Juventus senza amare la sua squadra.
Anche nei tempi più bui, il popolo bianconero si è stretto intorno ai suoi guerrieri, e
non sarà certo oggi che questo cambierà.
L'appoggio e il sostegno incondizionato per tutti i novanta minuti di gioco, durante
gli allenamenti e le attività sportive non è mai mancato e mai mancherà.
Siamo con la squadra, dal primo all'ultimo uomo.
Siamo con la squadra dalla prima all'ultima partita.
Tuttavia non possiamo fare a meno di notare una certa improvvisazione nell’allestimento della rosa, che
ancora adesso si basa soprattutto sull’orgoglio ferito dei vecchi grandi campioni della vecchia dirigenza.
Le campagne acquisti degli ultimi due anni sono state fallimentari e quella di quest’ anno appare deficitaria
soprattutto per quanto riguarda difesa e centrocampo.
Perche’ questi due reparti, in particolare la difesa,non sono stati adeguatamente rinforzati?

Calciopoli

“Ladri”.
Questo è quello che ci hanno gridato in faccia due anni fa.
Dopo aver rivisto i processi, aver assistito a sentenze farsesche prive di fondamenti
giuridici, dopo non aver ancora riscontrato una singola prova di corruzione, abbiamo
scoperto che le cose non stavano proprio così.
Proprio in questi giorni il Presidente Cobolli Gigli ha dichiarato che “abbiamo espiato ma non si sa bene per
quali colpe”.
Dopo essere giunti a questa amara conclusione, cosa intendete fare per il recupero dei due scudetti scippati?

Per aver spiato illegalmente migliaia di cittadini italiani, con il sospetto di aver
influenzato e ricattato esponenti del mondo economico e politico, alcune persone
sono in carcere e in attesa di giudizio.
Stiamo parlando di persone che spiavano anche i dirigenti della Juventus, redigendo
dossier sul loro conto e disponendo di informazioni riservate che hanno
paradossalmente portato a una sola risposta: nulla di rilevante.
Avete intenzione di costituirvi parte civile contro queste persone a tutela dell’immagine e del nome della
Juventus FC?

Chiediamo non solo che venga riconosciuto il diritto dei tifosi ad essere considerati
parte integrante di una società sportiva, con diritti precisi, ma che soprattutto in base
ai nuovi elementi emersi e alla assoluta mancanza di rinnovamento vengano
riesaminati i processi sportivi e venga iniziato un forte e reale cambiamento dei quadri
dirigenziali della Federcalcio.

Al tempo stesso, riteniamo si renda necessaria l'apertura di un'inchiesta parlamentare
indipendente per fare luce sulle troppe ombre dei processi sportivi: giudici licenziati
prima dei processi e riassunti dopo le sentenze, legami sin troppo sospetti tra giudici e
parti interessate, mancanza del rispetto delle principali norme giuridiche e vizi di
forma palesi e sostanziali.

In sede europea il diritto di intentare una causa da parte di più individui aventi un
interesse in comune è garantita (class action) in Italia il procedimento è ancora
insabbiato. Vogliamo che si cominci a parlare seriamente di rispetto nei confronti dei
tifosi.
Tifosi che ancora aspettano risposte convincenti e vogliono capire perché, da quello
che doveva essere un vento riformatore, si è riusciti ad ottenere solo vantaggi per i
soliti noti e la distruzione dei rivali che da sempre li avevano annullati sul campo.

Il mondo arbitrale

Secondo l'osservatorio arbitrale, quasi il cinquanta per cento delle partite della scorsa
stagione è stato falsato da errori arbitrali.
A beneficiarne, i soliti noti, che senza questi aiuti non avrebbero potuto festeggiare
l'ennesimo trionfo fasullo.
Non sono dati forniti da noi. Sono dati allarmanti.
Al contempo riteniamo che le relazioni passate intrattenute da Pierluigi Collina e da
Cesare Gussoni con esponenti di alcune società di calcio siano fonte di sospetti e
maldicenze che sarebbe bene dissipare alla fonte, con dimissioni dignitose, per il
bene ultimo del mondo arbitrale e del calcio.
Cosa avete intenzione di fare di fronte a questo ennesimo, vergognoso e palese, conflitto di interessi?
Aspettiamo i soliti “errori in buonafede” per poi scrivere una lettera al Palazzo?
Non sarebbe meglio prevenire che curare?
Gussoni e Collina devono andare via.

Federcalcio

Il tanto sbandierato processo di rinnovamento non c'è stato. Vogliamo facce nuove.
Vogliamo persone in grado di garantire un ambiente sereno e privo di dubbi e
sospetti. Persone indipendenti o quantomeno in grado di garantire che il bene ultimo
del calcio prevalga su interessi partigiani.
Cosa intendete fare affinchè alle prossime elezioni federali possa finalmente essere messa al bando
questo gruppo di potere che da anni gestisce la Federcalcio come una riunione di condominio?

Media

I media hanno avuto un ruolo fondamentale nella distruzione della Juventus.
Antipatia, convenienza, connivenza, scarsa professionalità, dolo: non importa quali
siano le cause. Importa il risultato.
Disinformazione è la parola che caratterizza tutto questo. Disonestà intellettuale o
incompetenza gli aggettivi che qualificano la sua origine.
Decine di informazioni scagionanti sono state ignorate, nascoste, omesse: non si può
parlare di casualità.
Così come non si può parlare di casualità o semplice ignoranza di fronte ai commenti
sprezzanti nei confronti della Vecchia Signora.
Fa comodo infangare il nome della Juventus, fa comodo stare dalla parte dei suoi
carnefici.
Quali sono i comportamenti che intendete mettere in campo per ristabilire la verità?
Cosa intendete fare per avviare una decisa azione di monitoraggio dei media a tutela e protezione del nostro marchio, della nostra storia e della nostra azienda?

Tifosi

Il problema più grande del popolo juventino è la dispersione sul territorio.
In seno al popolo bianconero sono presenti troppe divisioni in questo momento, è
necessario lavorare per unire di nuovo i tifosi e tornare a lottare insieme per il bene
comune.
Per farlo, è necessario l'impegno e la disponibilità al dialogo da parte di tutti.
Associazioni, Juventus club, ultras e semplici tifosi.

Alcuni punti credano debbano essere affrontati e discussi:

- Richiesta di maggior rispetto da parte dei tifosi del meridione, con la istituzione di
più incontri amichevoli da giocare sul territorio.
- Maggior impegno e organizzazione nel sistema di assegnazione dei biglietti.
- Ristrutturazione del programma Juventus Member, ad oggi ridotto a una semplice
operazione economica priva di contenuti sostanziali.
- Aumento dei contenuti del canale televisivo Juventus Channel.
- Aumento delle iniziative storiche, attraverso un uso attento del materiale storico a
disposizione (immagini d'epoca, filmati, ecc...): la storia della Juventus non si può
dimenticare.
- Riabilitazione e sostegno dei 12 anni della Triade, da troppi bollati come anni di
ruberie. La storia della Juventus non è questa.
- Istituzione del trofeo Gianni e Umberto Agnelli. Inutile spiegarlo.
- Ammissione di un esponente eletto dai tifosi che possa essere referente presso la societa’.
Una figura competente che possa rappresentare i tifosi e che in
questo modo funga da garante.

Chiediamo che in merito ai punti sopra elencati la Societa’ prenda impegni concreti nei confronti dei tifosi.

 

La Proprietà

Il gruppo Ifil è una delle realtà più ricche del panorama economico italiano.
La cassaforte della famiglia Agnelli-Elkann vanta patrimoni degni di quelli dei più
importanti gruppi industriali italiani e la Fiat sta vivendo un momento di grande
rilancio.
I soldi ci sono.
La proprietà è scossa ed è stata scossa da lotte intestine di potere che hanno
sicuramente influito anche sull'esito della farsa Calciopoli. Alcuni importanti
consiglieri hanno ritenuto, per motivi personali, invidie e palesi conflitti di interessi
di assumere posizioni e atteggiamenti che di fatto, nell’estate 2006, hanno condannato sin da subito la
Juventus al suo destino.
Alcuni dei massimi dirigenti del gruppo Fiat non fanno mistero di nutrire profonda
antipatia nei confronti della squadra bianconera. Altri, non fanno nemmeno mistero di
ammirare e di fare il tifo per le sue concorrenti, arrivando persino a difendere le
persone che sono state coinvolte nello scandalo dello spionaggio industriale.
Salvo prova contraria, la buona fede non può essere messa in dubbio.
Tuttavia chiediamo nell'interesse della Juventus che vengano attuati una serie di
provvedimenti atti a garantire e a indicare un coinvolgimento e un'unione d'intenti
volti a riportare la Juventus a quella che era un tempo.
Non solo il tifo bianconero deve riunirsi e marciare compatto.
La Juventus non è della Ifil. Non è di John Elkann, Lapo Elkann o Andrea Agnelli.
E' dei tifosi, che in queste persone ripongono la fiducia e la speranza di vedere la
Juventus di nuovo grande.

La società

Gestione economica:
I danni della retrocessione sono stati contenuti e alle situazioni critiche si è posto
rimedio con sostanziale efficacia ma solamente nel breve periodo ed esclusivamente a
livello di bilancio. La campagna cessioni ha contribuito in maniera sostanziale a
garantire un rientro economico e al tempo stesso il processo di ricapitalizzazione ha
contribuito a rendere stabile e florida la società.
Al tempo stesso i risultati insoddisfacenti in merito al reperimento di nuove forme di
sponsorizzazione, anche una volta riottenuto il passaporto per la A e per la
Champions League sono preoccupanti.
Senza l'intervento del gruppo Ifil, con la sponsorizzazione New Holland, non si
sarebbe riuscito ad ottenere risorse fondamentali e questo è un punto negativo
sostanziale.
Le uscite infelici di alcuni alti dirigenti Fiat in merito all'utilità di una
Juventus perdente per il rilancio del marchio automobilistico non hanno certo
aumentato l'appeal del marchio Juventus.
Il marchio Juventus deve essere valorizzato maggiormente e sono necessari forti
interventi in questo senso.
Il mancato arrivo dei campioni promessi preclude l'impiego di strategie di marketing
che permetterebbero di aumentare le entrate da sponsorizzazioni e i ricavi del
merchandising (magliette e quant'altro).
Le scarse risorse disponibili in fase di mercato non sono sfruttate al meglio.
La preoccupazione per una situazione di sostanziale equilibrio, ma con notevoli dubbi
in merito alla futuribilità del progetto, è alta.
E' necessaria una maggiore attenzione all'impiego delle risorse e un maggior impegno
nel reperimento di nuove fonte di guadagno che non possono dipendere
esclusivamente dall'apporto e dal sostegno economico di tifosi e proprietà.

Gestione sportiva:
Centoundici anni di storia. 111. Un numero ripetuto tre volte, nella stagione del
ritorno in serie A. Un numero che è simbolo della Juventus.
Dopo le cessioni della prima stagione, il progetto sportivo bianconero si incentrava su
un rilancio a base quinquennale i cui capisaldi sarebbero dovuti essere l'innesto di
fuoriclasse e la valorizzazione dei giovani.
Dopo investimenti lordi per oltre cento milioni di euro negli ultimi due anni, la
Juventus della prossima stagione sarà pressoché identica nell'undici titolare a quella
della scorsa stagione, che già palesemente si fondava sugli acquisti della gestione
precedente.
Lo sfortunato caso Andrade deve mettere in guardia in merito alla necessità di
operare con sempre maggior attenzione in sede di acquisti.
La Juventus non può iniziare la stagione con la speranza di disputare un campionato
dignitoso. Deve iniziare con la certezza di lottare fino all'ultimo per la vittoria.
E' necessario che nuove figure più legate al mondo sportivo siano inserite in società e
che sia potenziato il settore degli osservatori.
Pur avendo la massima fiducia della squadra, è necessario una decisa inversione di
tendenza in merito alla gestione del parco giocatori, volto a garantire l'inserimento di
giovani ma soprattutto di quei giocatori in grado di fare la differenza.

« Ultima modifica: 22 Settembre 2008, 17:34:29 da Captain »

Offline Itto Ogami

  • panz
  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 77348
Re: PETIZIONE "LA JUVENTUS CHE VOGLIAMO NOI"
« Risposta #1 il: 22 Settembre 2008, 16:36:52 »
aridaje....

Offline sivori

  • BiancoNero promettente
  • **
  • Post: 474
  • El Cabezón!
Re: PETIZIONE "LA JUVENTUS CHE VOGLIAMO NOI"
« Risposta #2 il: 22 Settembre 2008, 16:43:15 »
Che palle, una petizione ogni settimana....

Offline AlexTheKid

  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 11917
  • Sesso: Maschio
  • BIANCONERO E'....... ALTRO COLORE NN C'E'!
Re: LA JUVENTUS CHE VOGLIAMO NOI
« Risposta #3 il: 22 Settembre 2008, 23:09:04 »
Condivido la parte su proprietà e gestione economico-sportiva. Su calciopoli raccomando caldamente a tutti di mettere una pietra tombale, tipo quella dei cimiteri celti che le smuovi solo con una gru. Basta. Gli inglesi hanno una bellissima espressione... "is history"....
«Vinca la Juve o vinca il migliore? Sono fortunato, spesso le due cose coincidono». L' Avvocato

onedream

  • Visitatore

Offline Captain

  • Nuovo acquisto BiancoNero
  • *
  • Post: 33
Re: LA JUVENTUS CHE VOGLIAMO NOI
« Risposta #5 il: 23 Settembre 2008, 16:59:20 »
Condivido la parte su proprietà e gestione economico-sportiva. Su calciopoli raccomando caldamente a tutti di mettere una pietra tombale, tipo quella dei cimiteri celti che le smuovi solo con una gru. Basta. Gli inglesi hanno una bellissima espressione... "is history"....

Già...è bellissima quell'espressione, But I think that 110 Years of wins are history, not two years of "honest people".

Offline duea

  • arnaldo
  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 11062
Re: LA JUVENTUS CHE VOGLIAMO NOI
« Risposta #6 il: 23 Settembre 2008, 17:16:51 »
ronf...ronf...ronf. ..
ma andare allo stadio e godersi le partite no vero?
E' più importante organizzare amichevoli nel sud italia...oppure pretendere milioni di biglietti per le partite di cartello, salvo poi essere sempre i soliti domani a juve-catania...oppure ancora, premurarsi di riabilitare il mulita granata fuggitivo in quel di londra...ecco no, qui sono d'accordo, fatelo tornare, così gli spiega una volta per tutte cosa significhi essere bianconero...
« Ultima modifica: 24 Settembre 2008, 09:28:34 da duea »

Offline The Daddy

  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 5519

Offline Captain

  • Nuovo acquisto BiancoNero
  • *
  • Post: 33
Re: LA JUVENTUS CHE VOGLIAMO NOI
« Risposta #8 il: 23 Settembre 2008, 17:34:19 »
ronf...eonf...ronf...
ma andare allo stadio e godersi le partite no vero?
E' più importante organizzare amichevoli nel sud italia...oppure pretendere milioni di biglietti per le partite di cartello, salvo poi essere sempre i soliti domani a juve-catania...oppure ancora, premurarsi di riabilitare il mulita granata fuggitivo in quel di londra...ecco no, qui sono d'accordo, fatelo tornare, così gli spiega una volta per tutte cosa significhi essere bianconero...

Se non si condivide basta non firmare.

Offline Bruce

  • BiancoNero titolare
  • ***
  • Post: 657
  • Sesso: Maschio
  • I ain't here on business, only here for fun.
Re: LA JUVENTUS CHE VOGLIAMO NOI
« Risposta #9 il: 23 Settembre 2008, 18:30:49 »
Se non si condivide basta non firmare.

Se pubblichi una petizione su un forum, il minimo che puoi attenderti e che qualcuno non sia d'accordo con il contenuto della stessa. E che, oltre a non firmare, te lo faccia sapere.
Per quello che riguarda me, probabilmente sto diventando vecchio, ma tendo sempre di più a considerare il calcio come un buon mezzo per passare un po' di tempo, divertirmi (alla tele o, quando è possibile, allo stadio), magari incazzarmi, ma dandogli molta meno importanza di quanta gliene dessi qualche anno fa.
Le petizioni le lascio a chi ha ancora voglia di impegnarsi attivamente in questo ambito...
Ma se tiro lo sciacquone, capitan Sssanetti sparisce?

Offline Captain

  • Nuovo acquisto BiancoNero
  • *
  • Post: 33
Re: LA JUVENTUS CHE VOGLIAMO NOI
« Risposta #10 il: 23 Settembre 2008, 19:12:31 »
Se pubblichi una petizione su un forum, il minimo che puoi attenderti e che qualcuno non sia d'accordo con il contenuto della stessa. E che, oltre a non firmare, te lo faccia sapere.
Per quello che riguarda me, probabilmente sto diventando vecchio, ma tendo sempre di più a considerare il calcio come un buon mezzo per passare un po' di tempo, divertirmi (alla tele o, quando è possibile, allo stadio), magari incazzarmi, ma dandogli molta meno importanza di quanta gliene dessi qualche anno fa.
Le petizioni le lascio a chi ha ancora voglia di impegnarsi attivamente in questo ambito...

Non discutevo la legittimità di comunicare una non condivisione all'iniziativa, ma non credere che chi come me si batte per questa cosa non sia gente che sostiene la squadra o che non va mai allo stadio. Si sbaglia proprio strada a pensarla così. In ogni caso io ci credo che prima o poi emergerà la verità. Il sostegno alla squadra è sempre un discorso a parte e c'è e ci sarà sempre in maniera incondizionata.

Offline Bruce

  • BiancoNero titolare
  • ***
  • Post: 657
  • Sesso: Maschio
  • I ain't here on business, only here for fun.
Re: LA JUVENTUS CHE VOGLIAMO NOI
« Risposta #11 il: 23 Settembre 2008, 21:17:34 »
ma non credere che chi come me si batte per questa cosa non sia gente che sostiene la squadra o che non va mai allo stadio.

Mai pensato nulla di simile; io semplicemente vivo tutto ciò che ruota attorno al calcio in maniera un po' più "distaccata", almeno da qualche tempo a questa parte, nulla di più...
Ma se tiro lo sciacquone, capitan Sssanetti sparisce?

Offline Quattordici

  • xsemprezizou
  • Moderatore globale
  • Stella BiancoNera
  • *
  • Post: 32325
  • guardi il dito...stuzzica, vede come stuzzica ?
Re: LA JUVENTUS CHE VOGLIAMO NOI
« Risposta #12 il: 23 Settembre 2008, 21:30:04 »
Diceva bene Stephen King...

...a volte ritornano

Offline AlexTheKid

  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 11917
  • Sesso: Maschio
  • BIANCONERO E'....... ALTRO COLORE NN C'E'!
Re: LA JUVENTUS CHE VOGLIAMO NOI
« Risposta #13 il: 23 Settembre 2008, 21:45:40 »
Se pubblichi una petizione su un forum, il minimo che puoi attenderti e che qualcuno non sia d'accordo con il contenuto della stessa. E che, oltre a non firmare, te lo faccia sapere.
Per quello che riguarda me, probabilmente sto diventando vecchio, ma tendo sempre di più a considerare il calcio come un buon mezzo per passare un po' di tempo, divertirmi (alla tele o, quando è possibile, allo stadio), magari incazzarmi, ma dandogli molta meno importanza di quanta gliene dessi qualche anno fa.
Le petizioni le lascio a chi ha ancora voglia di impegnarsi attivamente in questo ambito...
Caro bruce ti quoto al 100%.
«Vinca la Juve o vinca il migliore? Sono fortunato, spesso le due cose coincidono». L' Avvocato

Offline marco72

  • Stella BiancoNera
  • *****
  • Post: 7610
  • Sesso: Maschio
  • 25 giugno 2011
Re: LA JUVENTUS CHE VOGLIAMO NOI
« Risposta #14 il: 24 Settembre 2008, 09:02:15 »
lajuventuschevogliamonoi[/url]

Tuttavia non possiamo fare a meno di notare una certa improvvisazione nell’allestimento della rosa


 




come dice leone....=come no?addavedai....=
mamma mia...sara' legittimo per carita' e su molti punti ci sono affermazioni logiche....pero'....mamma mia...

 


I marchi Juventus, Juve e il logo sono di esclusiva proprietà di Juventus F.C. SpA. Questo sito non è in alcun modo autorizzato da o connesso con la Juventus F.C. SpA o il sito ufficiale del club. Il link a siti esterni non implica il riconoscimento degli stessi da parte di PBN.com. Per segnalazioni, suggerimenti, critiche, richieste e quant'altro scrivi a:
webmaster@pianetabianconero.com